Tuesday, June 27, 2017
  Search
Le Start Up secondo il Ministro Corrado Passera Minimize

Le Start Up secondo il Ministro Corrado Passera

Il report delle dichiarazioni del Ministro Corrado Passera in merito allo sviluppo di imprese innovative altre sì dette START UP. Il Ministro ha rilasciato questa recente e breve intervista per descrivere il Decreto-Legge n. 179 definendolo come misura urgente per la crescita del nostro paese.



“Il Dl Crescita 2.0 approvato dal Consiglio dei Ministri è un insieme di iniziative che disegnano l'Italia che vorremmo. Sarà più facile dar vita ad una impresa startup, un'azienda che nasce e produce nuove iniziative tecnologiche, a condizione che si tratti di progetti molto trasparenti, con un grande contenuto di innovazione. Infrastrutture e servizi digitali, nascita e sviluppo di startup innovative, strumenti fiscali per agevolare la realizzazione di grandi opere con capitali privati, attrazione degli investimenti esteri in Italia, interventi di liberalizzazione in particolare in campo assicurativo. Le nuove norme puntano, in modo ambizioso, a fare del nostro Paese un luogo dove l'innovazione rappresenti un fattore strutturale di crescita sostenibile e di rafforzamento della competitività delle imprese”.

Queste le parole usate dal ministro Corrado Passera per descrivere il Decreto-Legge n. 179, “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”, approvato il 4 ottobre 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale sabato 18 ottobre. Un provvedimento che, promuovendo la visione di un’Italia più favorevole all’innovazione, assume una portata che trascende la sfera dell’economia e non è priva di implicazioni di natura sociale e culturale.

Il ministro, al fine di creare in Italia un ambiente favorevole alle startup innovative, ha istituito, nel mese di aprile 2012, una task force, composta da dodici professionisti ed esperti dell’ecosistema delle startup e  coordinata da Alessandro Fusacchia (Consigliere del Ministro Passera per gli affari europei e i giovani, il merito e l’innovazione),  con il mandato di avanzare proposte, a titolo personale e sulla base delle rispettive competenze ed esperienze professionali, su come rendere l’Italia un Paese che incoraggia la nascita e lo sviluppo di startup innovative.print